SERVIZIO DI PSICOLOGIA A MEDIAZIONE ANIMALE L’ALTRAVIA: intervista alla Responsabile

“I miei collaboratori hanno zampe, pelo, code lunghe e scodinzolanti e nasi umidi. Hanno cuori puri e menti libere, competenze relazionali innate e totale assenza di sovrastrutture. Praticano la leggerezza e l’accoglienza totale ed incondizionata verso chiunque. Compagni di lavoro ineguagliabili, hanno nomi buffi che portano con disinvoltura; si muovono con curiosità, e con curiosità incontrano “l’altro” e “l’alterità“. Sono eccezionali compagni di avventure che possono durare un’ ora, qualche giorno, molti mesi, anni. Poco commentano e mai giudicano: osservano, sì, con occhi attenti ed interessati. E aiutano…oh, quanto aiutano. Perché ho scelto gli animali come co-terapeuti e mi sono dedicata alla Psicologia a Mediazione Animale?          Perché funziona, e funziona bene, diminuisce i tempi di trattamento, favorisce il processo di recupero del benessere psicofisico, fa bene…ma per davvero”. Inizia così la chiacchierata con Sara Fantino, la Referente d’Area del Centro di Psicologia a Mediazione Animale L’AltraVia: una vera dichiarazione d’amore per il suo lavoro e per i suoi colleghi a 4 zampe.

Sara è una Psicologa con una lunga esperienza in ambito Riabilitativo,con pazienti in età di sviluppo (“lavoro dal 1999 presso il Centro di riabilitazione Globale CTR di Villacidro convenzionato con la ASL 6″) ed un immenso amore per la natura e per gli animali che, da oltre 10 anni, prova a conciliare con la sua professione (“mi occupavo di mediazione animale quando ancora l’argomento non era così tanto di attualità: prima  a Torino, in clinica psichiatrica, dove ho avuto modo di osservare come la presenza in struttura di animali domestici di proprietà favorisse il percorso di recupero dei pazienti, poi a Villacidro dove la presenza di colleghi aperti alla sperimentazione di nuove metodologie terapeutiche mi ha consentito di lavorare con sempre maggiore entusiasmo con l’integrazione di attività e terapie a mediazione animale e di svolgere attività di ricerca sugli Interventi Assistiti dagli Animali”).

Sara svolge la sua attività quotidianamente, diligentemente, senza troppo clamore: un giorno alla settimana è dedicato alle visite ambulatoriali classiche: unico vezzo…“non ho mai usato il camice e ho sostituito la scrivania con un tavolino in legno” ma per gli altri 5 giorni lavorativi l’ambulatorio si sposta in ambiente naturale, tra olivi, carrubi, pini marittimi eucalipti e macchia mediterranea. Come colleghi di lavoro tre asine, due cani, tre carpette tibetane…ma anche sei tartarughe, due gatti, pony e cavalli. Come stanza dei colloqui, un recinto vista mare e una panchina in ferro battuto con buffi cuscini a forma di tartaruga, guardata a vista da Free Spirit (Libera) l’asinella ultima nata (il 25 Aprile di quest’anno) e LaPina, una capra scorbutica ma  curiosa.

“La Psicologia a Mediazione Animale mi consente di lavorare in un contesto formidabile che favorisce il dialogo, la vicinanza con i miei piccoli pazienti ed i loro familiari; le attività che svolgo sono esattamente quelle proposte in ambulatorio così come la tipologia di utenti seguiti: minori affetti da disturbi della sfera mentale, psichica, neuromotoria e fisica. L’obiettivo è quello di favorire al massimo lo sviluppo delle singole potenzialità nella sfera cognitiva, relazionale e dell’organizzazione psico-fisica. “

Il Centro di Psicologia  a Mediazione Animale L’AltraVia è attivo presso L’Azienda Agricola Boscovivo.

Per visitare il Centro e per fissare un colloquio informativo GRATUITO è possibile contattare telefonicamente  la Segreteria del Centro +39 342.8036816 o inviare una richiesta alla mail personale della Referente, Dott.ssa Sara Fantino:  sarafantino@laltravia.it

Lascia un Commento